Dicembre  2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
   
  1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31  

Coordinamento MLO Italia Nord: Pellegrinaggio a Bergamo

 Aprite le porte a Cristo” (Giovanni Paolo II)

  “Ho aperto le braccia e il cuore” (Don Orione)

Il giorno 24 febbraio si è svolto il pellegrinaggio spirituale a Bergamo e Sotto il Monte, organizzato dal coordinamento MLO Nord.

Ritrovo al Piccolo Cottolengo di Milano per i gruppi di Torino, Tortona e Milano e partenza per Bergamo accompagnati da Don Luigino Brolese.

Al centro Don Orione, dove era presente anche il gruppo di Seregno e Bergamo, siamo stati accolti da Don Alessio Cappelli che ci ha presentato brevemente la struttura che quest’anno festeggia il trentesimo anno di attività.

Da pochi giorni è accolta nella chiesa del centro una reliquia di San Giovanni Paolo II e proprio una sua esortazione: “Aprite le porte a Cristo” insieme alle parole di Don Orione: “Ho aperto le braccia e il cuore” sono il tema di questo pellegrinaggio.

Don Luigino Brolese lo sviluppa sottolineando quanto il desiderio e la volontà dell’accoglienza e del dono di se stessi accomuni Don Orione, Giovanni Paolo II e un altro grande: Giovanni XXIII.

Entrambi hanno conosciuto Don Orione: Giovanni Roncalli, allora arcivescovo, lo incontrò personalmente a Roma e ne rimase colpito. Dirà di non aver mai conosciuto nessuno dedito alla carità come lui.

Anche Karol Wojtyla fu affascinato dall’amore che don Orione portava alla sua Polonia, conobbe bene il suo carisma, visitò varie Opere e indirizzò alla Piccola Opera numerosi scritti e discorsi. Lo ha riconosciuto come “meravigliosa e geniale espressione della carità cristiana “ed è stato il Papa della sua beatificazione e canonizzazione.

Abbiamo visitato la mostra fotografica che illustra momenti significativi della vita e del pontificato di Giovanni Paolo II e successivamente in chiesa abbiamo potuto pregare e meditare davanti al reliquiario formato da una bibbia aperta contenente gocce di sangue di Papa Wojtyla.

E stato un momento di devozione, di spiritualità, di emozione per tutti.

Dopo il pranzo don Luigino ha celebrato la Santa Messa, quindi siamo partiti per Sotto il Monte.

Alla Casa del Pellegrino abbiamo potuto vedere un filmato che illustrava momenti della vita di Angelo Roncalli e alcuni dei luoghi del paese a lui particolarmente cari, dove amava tornare prima della sua elezione al pontificato.

Ci siamo addentrati nel paese, sostato nella chiesa parrocchiale, visitato brevemente la casa natale e altri luoghi.

Abbiamo quindi fatto ritorno a Milano.

E’ stata una giornata piena. Abbiamo sentito parlare tre grandi Santi, abbiamo ascoltato le loro parole, abbiamo ancora una volta ammirato le loro opere. Abbiamo “respirato” la loro santità e pregato perché ci concedano la loro protezione e la capacità di imitarli anche nella nostra piccola quotidianità.